Un i-phone grande come un frigorifero

Scelto per voi da SIMONE RASETTI

La domanda è molto semplice: quanto sarebbe costato un iPhone nel 1991? La risposta: più di 3 milioni di dollari. Se gli ingegneri della Mela morsicata avessero realizzato lo smartphone ventitré anni fa – con la tecnologia in uso a quel tempo – sarebbero stati necessari altri 13 gadget differenti: tra questi un lettore Cd per l’ascolto musicale, un computer per le funzioni di base, una segreteria telefonica, la videocamera e un telefono cellulare.

IL VECCHIO FLYER – Il giornalista americano Steve Cichon racconta di aver ritrovato un vecchio volantino pubblicitario di Radio Shack, una delle più grandi catene americane di distribuzione di prodotti elettronici, e di aver notato che, dei 15 prodotti reclamizzati sul flyer, ben 13 sono stati oggi sostituiti dal suo telefono.
In una seconda analisi il blog tecnologico TechPolicyDaily ha cercato di fare una stima (approssimativa) di quanto sarebbe costato un iPhone se fosse stato distribuito nel lontano 1991. Un computo curioso, ma dal risultato sorprendente. Andiamo per ordine: a quel tempo, un hard disk da un gigabyte costava circa 10 mila dollari (7.300 euro). Il prezzo oggi? Molto più basso: circa 4 centesimi di dollaro (3 centesimi di euro). Per quanto riguarda un GB di memoria flash, ossia la memoria utilizzata negli iPhone, il prezzo si aggirava sui 45 mila dollari (33 mila euro), mentre oggi la cifra è di soli 55 centesimi di dollaro. Considerando poi che l’iPhone 4S possiede 16 GB di memoria flash, il semplice costo di questa componente sarebbe arrivata a toccare i 720 mila dollari.

UN FRIGORIFERO – Una delle cause di questi prezzi esorbitanti è il costo di produzione delle varie componenti che, oggi, è decisamente calato grazie al progresso tecnologico e alla produzione di massa. Stesso discorso per il processore del melafonino (l’A7 dell’iPhone 5S), in grado di eseguire 20.500 istruzioni per secondo (Mips): nel 1991 – con l’ipotetico prezzo di un singolo Mips a 30 dollari – avrebbe corrisposto a 620.000 dollari. A questo si aggiunge il costo astronomico della trasmissione dati via linea telefonica. Ventitré anni fa, il prezzo per ogni kilobit trasmesso era di 100 dollari. Raffrontato con un iPhone con la rete LTE (che si aggira sui 15 Mbps, ossia 15.000 kilobit per secondo) si arriverebbe a 1,5 milioni di dollari. Solamente questa componentistica e l’utilizzo dei dati a banda larga sarebbero costati 2,85 milioni dollari. E non sono stati conteggiati altri costosi componenti come fotocamera, display e i vari sensori. Insomma, il prezzo di un iPhone nel 1991 avrebbe superato largamente i 3 milioni di dollari (2,2 milioni di euro) e con ogni probabilità avrebbe avuto le dimensioni di un frigorifero.

(Fonte http://www.corriere.it, autore Elmar Burchia)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...