Vladimir allievo di Hegel

Ininsubria.it – Nel clima di ecumenismo generalizzato tipico del pensiero debole che oggi la fa da padrone, con la sua pervicace volontà di smussare ogni angolo ed annullare ogni contrapposizione in vista della creazione di un limbo del pensiero in cui, democraticamente, ciascuno possa godere della propria parte di rispettabilità e le vecchiette possano passeggiare senza timore che qualcuno turbi i loro sonni, ultimo tabù, residuo parafulmine contro il quale scaricare anatemi ideologici, sembra essere rimasto Vladimir Putin.
L’imbelle cultura liberaldemocratica lo teme e lo esorcizza, descrivendolo come l’uomo nero, perché lo avverte istintivamente come altro da sé, irriducibile ai propri parametri. In un mondo in cui la politica si limita al quieto alternarsi delle dinamiche parlamentari e i politici, come diceva Ezra Pound, altro non sono che i camerieri dei banchieri ( e voglio proprio vedere se qualcuno dei lettori ha la faccia tosta di contraddirmi in questi tempi di austerità forzata), dalla desolata vastità della steppa attanagliata dal ghiaccio dell’inverno siberiano si è levato un uomo che, solo gigante in un mondo di nani da giardino, ha ancora il coraggio di muovere i carri armati per far valere le proprie rivendicazioni.

– Scelto per voi da Simone Rasetti –

http://www.ininsubria.it/crimea-e-dintorni-vladimir-allievo-di-hegel-e-thomas-hobbes~A12585

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...